Seleziona una pagina
STKO e Ricerca – L’esperienza di Ted Cross

Ted Cross, Ph.D Student

STKO per scuole e centri sanitari in Nepal più sicuri

 

Ted Cross, ricercatore presso l’Università di Bristol nel Regno Unito, è stato ospitato, insieme ad altri ricercatori, da ASDEA Software Technology per il completamento del suo progetto di ricerca con STKO. Il nostro team, tra cui il dott. Massimo Petracca e il prof. Guido Camata, ha guidato tutti i ricercatori garantendo loro assistenza e feedback diretti sulla modellazione. Il nostro team di comunicazione ha incontrato Ted durante la sua seconda settimana in Italia per conoscerlo meglio e approfondire i temi della sua ricerca.

Ted si è avvicinato al campo dell’ingegneria sismica durante un viaggio studio negli Stati Uniti, nel corso del suo programma combinato di laurea e master in ingegneria civile all’Università di Bristol. Presso l’UC Berkley, dove è nato OpenSees, ha condotto un progetto incentrato sull’isolamento sismico per una struttura scolastica nepalese, sviluppato in collaborazione con il Nepal Safer Schools Project. Ciò gli ha permesso di completare il dottorato di ricerca utilizzando OpenSees per completare le valutazioni del rischio sismico di scuole e centri sanitari nepalesi per l’ONG Pahar Trust. Per il dottorato, invece, Ted e il suo tutor hanno deciso di utilizzare STKO.

“Per me utilizzare STKO è stato molto più facile rispetto a OpenSees, in quanto l’interfaccia grafica è più intuitiva rispetto alla codifica diretta dei file TCL. Inoltre, STKO permette di micro-modellare le strutture in muratura utilizzando la collezione di materiali ed elementi di OpenSees. Questo aspetto è particolarmente importante, poiché gli edifici nepalesi utilizzano spesso un tipo di malta di fango debole e il rendering grafico di STKO della micro modellazione esplicita è ottimo come modello visivo”.

Abbiamo colto l’occasione per fare a Ted anche qualche domanda personale, ad esempio su ciò che gli è mancato di più del Regno Unito durante la sua permanenza in Italia; un sorriso ha attraversato il suo volto mentre diceva: “Sicuramente le mince pies. Sono sorpreso che le mince pies non siano uscite dal Regno Unito. Non vedo l’ora che i miei amici me ne portino un po’ per condividerle con voi”. Ha anche espresso l’entusiasmo di conoscere più da vicino altri STKdOers con cui discutere della sua ricerca.

Quando gli è stato chiesto quali fossero i suoi progetti post dottorato ha detti che non vede l’ora di utilizzare STKO e le conoscenze acquisite durante la ricerca, ma che al momento il suo obiettivo principale è di concludere la tesi.

“Spero di utilizzare i modelli STKO per assicurare la sicurezza dei Pahar trust Health Centers e garantire l’affidabilità dei progetti”.

Articoli Correlati

Programmazione e AI: il futuro dell’ingegneria civile

Programmazione e AI: il futuro dell’ingegneria civile

Perché la programmazione rappresenta sempre di più il futuro dell’ingegneria civile? L’ingegneria civile plasma da secoli la nostra società attraverso l’ambiente costruito ed è da sempre determinante nello sviluppo e nel progresso sociale. La crescente innovazione...