Seleziona una pagina
Il Prof. Camata visita Porto!

Il 21 marzo il Prof. Camata sarà in Portogallo all’Università di Porto per tenere un seminario per presentare una nuova tecnologia di Digital Twinning che utilizza sensori digitali, intelligenza artificiale e modelli a elementi finiti.

Il sistema, attraverso i dati raccolti dai sensori, è in grado di creare un vero e proprio gemello digitale aggiornato in tempo reale, al fine di valutare lo stato di salute di una struttura e prevedere la risposta futura e simulando condizioni di stress o danni anomali per la manutenzione e il consolidamento.

    Il sistema di sensori digitali MonStr (in attesa di brevetto) consente la sincronizzazione di oltre 2000 canali a meno di 1ms. Il sistema è stato sviluppato per leggere fino a 4kH di campioni di dati continui senza l’uso di finestre temporali. I nodi MonStr contengono accelerometri, giroscopi, magnetometri triassiali, inclinometri biassiali, sensori di temperatura e un dispositivo di acquisizione del segnale. Oltre ai sensori interni, il nodo può essere collegato a sensori esterni come estensimetri, LVDT, celle di carico, ecc. Il dispositivo di acquisizione non solo legge il segnale, ma è programmato per selezionare e pulire i dati da trasmettere, riducendo notevolmente l’afflusso di dati.

    Il sistema MonStr è completamente integrato con il programma di calcolo Opensource OpenSees e con il software STKO. Tramite algoritmi e AI è possibile posizionare i sensori in modo ottimale (OSP) e calibrare il modello. Inoltre, i sensori interpretano i danni ed emettono segnali di allarme che vengono poi verificati rispetto al modello a elementi finiti per valutare se il segnale è un falso positivo. Questo riduce il numero di falsi positivi, soprattutto nei primi anni di utilizzo, quando il pool di dati acquisiti non è sufficiente per un’interpretazione affidabile con l’intelligenza artificiale.

     

     

    Articoli Correlati

    Programmazione e AI: il futuro dell’ingegneria civile

    Programmazione e AI: il futuro dell’ingegneria civile

    Perché la programmazione rappresenta sempre di più il futuro dell’ingegneria civile? L’ingegneria civile plasma da secoli la nostra società attraverso l’ambiente costruito ed è da sempre determinante nello sviluppo e nel progresso sociale. La crescente innovazione...

    Conosciamo il nuovo direttore operativo di ASDEA

    Conosciamo il nuovo direttore operativo di ASDEA

    Col passare degli anni, la piccola realtà di ASDEA S.r.l. è cresciuta piuttosto rapidamente e con sé anche l’intero gruppo ASDEA, ad oggi comprendente tre società diverse, ciascuna con obiettivi, servizi e prodotti complementari (engineering, software e hardware)....

    Luka: Il primo stagista di Asdea Hardware

    Luka: Il primo stagista di Asdea Hardware

    Luka De Groodt  Avendo amato la matematica e la fisica fin da piccolo, Luka era destinato a diventare un ingegnere. Il suo percorso accademico lo ha portato alla Carleton University di Ottawa, in Canada, dove ha perseguito la sua passione per l'ingegneria...